La navata centrale

 

La navata centrale è scandita dalle ampie arcate che poggiano su capitelli sostenuti da esili colonne che provengono da chiesa gualteriana, esse sono addossate ai forti pilastri che sostengono l'ampio cornicione su cui poggia la volta a botte. 

A ridosso dei pilastri sono state poste nel 1952 le statue che, opera dei figli di Antonello Gagini, completavano la tribuna ideata ed iniziata del padre e posta a ridosso del catino absidale.

Visitiamo la navata procedendo  dall'ingresso verso la statua del Risorto.

 

Sopra l'ingresso della navata sono poste le statue a stucco di due grandi angeli che sostengono lo stemma dei Savoia.

 

Procedendo verso l'altare addossati ai pilastroni sono le statue in cui sono raffigurati:

a sinistra Santa Oliva ed a destra San Cristoforo

 

a sinistra Sant'Agnese ed a destra Santa Caterina a Bononia

a sinistra Santa Lucia ed a destra Sant'Agata

a sinistra Santa Ninfa ed a destra San Domenico

 

 

Le acquasantiere

Addossati in basso ai pilastroni in cui sono allocate le statue di S. Ninfa  a sinistra e S. Domenico a destra sono le acquasantiere.

L'acquasantiera a sinistra è opera di  G. Spatafora e A. Ferraro (1535); la conchiglia è ornata da due rilievi con "Mosé che fa sgorgare acqua dalla roccia", e "Gesù che guarisce il paralitico". Sul cupolino che chiude l'acquasantiera è raffigurata la Vergine Maria.

L'acquasantiera a destra è pera di Domenico Gagini (XV sec.). Nella conchiglia due bassorilievi illustrano la benedizione del fonte battesimale e il "Battesimo di Gesù". Sul cupolino l'Angelo dell’Annunciazione.

 

Continuando il cammino verso l'altare addossati ai pilastroni sono le statue in cui sono raffigurati:

a sinistra Santa Cristina ed a destra Santa Maria Maddalena

a sinistra San Francesco d'Assisi ed a destra Sant'Antonio

a sinistra San Lorenzo ed a destra Santo Stefano Proto Martire

a sinistra nel pilastrone e contrafforte a sostegno della cupola S. Cosma, San Benedetto e San Geronimo

a destra nel pilastrone e contrafforte a sostegno della cupola S. Damiano, San Sebastiano e Sant'Agostino

 

per continuare la visita

tappa precedente

tappa seguente

ritorno ad inizio visita